description

Expandmenu Shrunk


Ti prego, scrivi chiaro chiaro chiaro …

VN:F [1.9.22_1171]
Vota questo post !
Voto: 5.0/5 (1 voto assegnato)

 

   “Ti prego, scrivi chiaro chiaro chiaro chiaro chiaro chiaro … 1  manoscritto semeriano

                                                                                                    P. Agostino Gemelli                                                                                                                                                      

Chi si avvicina al Padre Barnabita non può fare a meno di confrontarsi con quella sua grafia tutta particolare: minuscola, fatta di segni composti ma slegati, talora appena accennati.

Leggere un suo appunto, una sua lettera era, per gli amici, i conoscenti – così com’è ora per gli studiosi che affrontano i manoscritti inediti – un’esperienza unica, a dir poco frustrante. 

Il P. Gemelli, che con il barnabita aveva una corrispondenza assidua, nel 1917, gli raccomandava, per l’ennesima volta, “Ti prego, scrivi chiaro chiaro chiaro chiaro chiaro chiaro …1.

Tornando indietro di qualche decennio, ricordo le parole rivoltemi, quando ancora ero giovane studente, dal  P. Virginio M. Colciago – responsabile dell’Archivio dei Barnabiti e profondo studioso del Semeria – “Vuole un manoscritto del Semeria oratore?  Tenga presente, però, che ha una calligrafia impossibile …. un insieme di assurdi geroglifici”2.  E, intanto, con una espressione simpatica del volto, mi indirizzava verso “Chiesa e Democrazia”3 di cui aveva, fortunatamente per me, anche una versione a stampa costatagli non poche fatiche. Con tutto il suo bagaglio di pazienza e di esperienza!

Fu allora che capii la profonda riconoscenza espressa negli anni dagli studiosi, dallo stesso barnabita, per Ida Nori che “con mirabile, eroica, costante pazienza e dedizione, decifrava i manoscritti e li trascriveva in pagine di nitida scrittura, che da Genova mandava alla stampa”4. Senza di lei molti dei testi semeriani, specie quelli mai pubblicati, sarebbero, ancora, per i più, nient’altro che assurdi geroglifici.

In una lettera al Semeria, l’avvocato Paolo Toffanin aveva, del resto, risposto “Caro e grande amico, leggo o meglio tento di leggere la Sua lettera. Sono andato perfino dalla dolce contessa Papafava onde decifrare con Lei gli oscuri caratteri. Si metta in mente una volta per sempre che non è possibile capire la Sua calligrafia. O detti o faccia scrivere”5; mentre il poeta Angelo Barile scriverà, più tardi: “Devo confessare che a rileggerle adesso su quelle vecchie veline e a trascriverne i testi a distanza di più che mezzo secolo, è stata una vera e penosa fatica…… La scrittura di Padre Semeria, chi non l’ha vista non può immaginarla. (E’) indecifrabile: un autentico puzzle, una serie d’ideogrammi cinesi.”6

Pensare che da giovane, dopo aver preso la licenza liceale, con la sua “scrittura chiara”, aveva, perfino aiutato il P. Ghignoni, a ricopiare, sotto dettatura, la propria tesi di laurea su Prudenzio. 7

  - G. Semeria "La Chiesa e la Democrazia", Manoscritto della Conferenza (1896)
» [190 copie già scaricate]

 manoscritto semeriano

 

 ——————

1. P. Agostino Gemelli in G. Semeria “Saggi… clandestini”, Ediz. domenicane, 1967, vol. II, pag. 502.  Per un approfondimento sul tema, vedi anche: G. Mesolella “P. Giovanni Semeria. L’intelligenza oratoria ai raggi X della scrittura” in “Studi Minozziani”, Potenza, n. 4 (2000), pagg. 28-54
2. Anche Alfred Loisy, in una sua lettera dell’1.12.1912, aveva avvicinato la grafia del Semeria a quella “démotique de l’ancien Égypte” (M. Guasco “Alfred Loisy in Italia”, Giappichelli, Torino 1975, pag. 274).
3. E’ il manoscritto relativo all’ultima conferenza tenuta dal Semeria nell’’Avvento del 1896. Per il testo a stampa vedi: P. Semeria B. “La Chiesa e la Democrazia” in “La Chiesa” 2° Quaderno del Centenario della nascita di Padre Semeria, Roma 1967, pagg. 95-106.
4. C. Argenta “Prefazione” a P. Semeria “Saggi … Clandestini (Storici – Filosofici)”, op. cit., pag. X.
5. Lettera inedita di Paolo Toffanin, Padova, del 24 luglio 1919, a Giovanni Semeria, in ASBR, Lettere Semeria, cartellina H1-2, cit in:  F. M. Lovison “Il Cappellano Militare Giovanni Semeria: le «Armonie Cristiane» di un uomo di Chiesa” in ”Barnabiti Studi” n. 24 (2007), pagg. 140.
6. A. Barile “lettere inedite a Padre Semeria” in “L’Osservatore politico e letterario”, Ottobre 1966, pag. 69. Don Mesini, scrivendogli, il 19 settembre 1920, da Ravenna, confessa candidamente “Carissimo Padre, la sua lettera … io e don Nediani (che si trova qui) non siamo riusciti a decrifrarla … Può scrivermene un’altra e … con migliore calligrafia?” (ASBR,”Carte Semeria”, Cartella rossa, D 1-16, D 11, Cit. da F. Lovison “Giovanni Semeria: dalle “Soirées Italiques” belghe al patriottismo di Dante. Sottolineature europee” in “I Barnabiti nel Risorgimento”, Atti del Convegno, Roma 14-15 gennaio 2011, ”Barnabiti Studi” n. 28 (2011), pag. 206).  Con gli anni, poi, “il bisogno di far presto nello scrivere gli faceva abbreviare molte parole, che venivano giù serrate e fitte, ma quasi con una uniformità disperante”. Stando alla testimonianza di un suo confratello, P. Domenico Bassi, “la penna sulla carta non descriveva più lettere, ma geroglifici intellegibili solo agli iniziati” (P. D. Bassi “La mente e il cuore del P. Giovanni Semeria” in P. G. Semeria “La morale e le morali”, Le Monnier, Firenze 1937, pag. XVII).  

7. G. Semeria “I miei ricordi oratori”, Amatrix, Roma-Milano, 1927, pag5. 105-106.

Su questo tema vedi anche: “Intervista al Postulatore Padre Regazzoni” in “Evangelizare”, a. XXI, n. 3 (marzo 2014), pagg. 18-19;  A. Gentili e A. Zambarbieri “Introduzione” a G. Semeria “Anni Terribili. Memorie inedite di un “modernista” ortodosso (1903-1913)”, San Paolo, Cinisello Balsamo 2008, pag. 5; G. Levi della Vida “Fantasmi ritrovati, Neri Pozza, Venezia 1966, pag. 99; A. Gatti “Il Padre Semeria” in “Pègaso”, Vol. 3, ed. 1-6, 1931, pagg. 479-483;  F. Sala “Padre Semeria Barnabita”, L.I.C.E., Torino 1941, pagg. 155-156, 219, 287; Don Zeno (R. Atzeni) “Parliamo tanto di … Padre Semeria” in”Evangelizare”,  a. VI (1967), n. 1 (gennaio), pagg. 7-8;  E. Patuelli “Nel Centenario della nascita di Padre Giovanni Semeria [Coldirodi 1867] Veglia a Coldirodi” in”Evangelizare”,  a. VI (1967), n. 2 (febbraio), pag. 44; T. Pasquali “Da vicino in “Evangelizare”, Numero Speciale,  a. VI (1967), n. 8 (agosto), pag. 62; Can. L. Gay “Ricordo personale di Padre Semeria” in “Evangelizare”, a. VI (1967), n. 9 (settembre), pag. 237; E. Patuelli “Ricordo di Padre Semeria” in “Evangelizare”,  a. XV (1976), n. 3 (marzo), pag. 12;  E. Patuelli “Don Tito e P. Semeria” in”Evangelizare”,  a. XV (1976), n. 4 (aprile), pag. 10; T. Molinaro “Corrispondenza tra il P. Semeria e il P. Minozzi” in “Evangelizare”,  a. XX (1981),  n. 11 (novembre), pag.14.

(Visited 230 times, 1 visits today)

Post correlati

  • Le date … da ricordare Anche se tutti i saggi e le biografie, pubblicate negli ultimi anni sul Semeria, hanno una propria cronologia essenziale relativa al percorso terreno del Padre Barnabita, in […]
  • P. Semeria in vignette e fumetti La vignetta, il fumetto sono sempre stati uno straordinario mezzo di comunicazione attraverso il quale mediare - a soggetti di tutte le età - contenuti politici, culturali, religiosi e […]
  • P. Semeria e l’Opera Nazionale per il Mezzogiorno d’Italia                                                    […]
  • La carità e l’Opera in favore degli orfani Un impegno di carità, quindi, insieme intellettuale e sociale ma quando – dopo aver conosciuto la miseria della città, la sofferenza dell’operaio – visse la tragedia della guerra - […]

Translate »